Profumi//breve guida su come scegliere la fragranza perfetta

Le cose spesso accadono per caso, è proprio dopo avere postato su Instagram una storia durante la mia night routine, spruzzando il mio profumo, che ho notato interesse all’argomento. Come Scegliere la fragranza perfetta.

In questo blog post scoprirai quali sono i miei profumi preferiti ma soprattutto ti aiuterò nella ricerca dei tuoi “profumi del cuore”.

Alcuni cenni storici

Il profumo nasce nell’antico Egitto, veniva utilizzato per i riti religiosi, le imbalsamazioni ma anche per sedurre! Cleopatra per fare colpo su Marco Antonio, aveva preparato una stanza completamente ricoperta da petali di rosa, con incensi che bruciavano in ogni dove, presentandosi completamente ricoperta di ungenti profumati dalla testa ai piedi, che lusso, e che mal di testa! 🤭

In oriente il commercio degli aromi e delle spezie ebbe grandissimo successo, il celebre medico arabo Avicenna scoprì come distillare l’Acqua di rose dai petali della rosa centifolia. Per poi arrivare al primo profumo a base alcolica creato in Ungheria nel 1370 da un monaco, a base di rosmarino, timo e lavanda, la famosa Acqua di Ungheria.

Ma i primi grandi profumieri del Rinascimento siamo stati noi italiani e i nostri amici spagnoli, i quali riconobbero in quest’arte una forma di arricchimento.

Nel 1600 a Santa Maria Maggiore (Val Vigezzo) venne creata la prima acqua di colonia dal suo “inventore” Gian Paolo Feminis. Nel 1778 nasce a Milano la Casa di Profumo, Saponi e articoli per toletta Angelo Migone & C., che produce beni profumati e per la cura della persona. E di lì a poco grazie alla liberalizzazione del commercio Pierre Francois Pascal Guerlain apre la sua prima maison di profumeria a Parigi, 😍 che offre eau de toilette, saponi, preparazioni termali, aceti aromatici, creme e pomate di ogni tipo.  In breve tempo la sperimentazione aumenta e il profumo diventa parte integrante della vita di ogni singolo individuo.

 

Spero di non averti annoiato troppo,

ma ho pensato che qualche cenno storico potesse interessarti, anche solo per curiosità.  Nel ventunesimo secolo abbiamo a disposizione una innumerevole scelta e proprio per questo ho pensato di darti qualche dritta.

Partiamo dal presupposto che non esiste una e una sola fragranza perfetta in assoluto, ad ogni momento e fase della nostra vita riconosciamo e abbiniamo quella giusta, che ci accompagnerà e si scolpirà nei nostri ricordi.

A mio parere il modo più semplice per capire qual’è la tua fragranza perfetta del momento è partire da un “profumo campione” che sappiamo incontrare i nostri gusti, analizzarne le note di testa, di cuore e di fondo, per poi trovare qualcosa di simile, oppure cambiare totalmente rotta! Si, succede anche questo!

Inizia dai profumi commerciali, facilmente reperibili in qualsiasi profumeria, per poi approfondire la ricerca, se vuoi, recandoti in profumerie artistiche di nicchia. Di solito sono gestite da “nasi” ovvero gli artisti che traducono una sensazione e la fanno diventare profumo, come il pittore disegna sulla tela; oppure da esperti del settore che sapranno illustrarti le infinite possibilità.



I miei riferimenti

Almeno quattro volte all’anno mi reco in Romagna, e ogni volta faccio tappa nella profumeria artistica “Cipria” di Via Mancini, a Cattolica. Le proprietarie hanno una conoscenza ammirevole dell’arte del profumo, sono talmente brave che starei ad ascoltarle per ore ed ore, è come un racconto, una fiaba, una storia da godere in ogni piccolo dettaglio.

Gisella (Profumeria Cipria, Cattolica) e Dalila (Riviera Profumi, Pesaro) madre e figlia, perseverano, nonostante il momento di storico delicato, con determinazione e passione, tanta da spingere Dalila ad aprire il suo nuovo negozio in Maggio 2020 a Pesaro. Se passate da quelle parti, andate a trovarle!!!

La scelta

Ma tornando alla scelta della tua fragranza perfetta, credo che intorno ad un determinato profumo si crei una certa aurea, quasi inspiegabile che ci riporta in un preciso luogo, istante, fotogramma della vita. Quante volte mi è capitato di voltarmi per strada, perchè la scia di un profumo aveva colto la mia attenzione, i miei sensi. E quante volte ti sarà capitato di dire alla tua amica: “ma come ti sta bene questo profumo”, oppure “a te sta meglio che a me”. Ebbene si, anche la composizione della pelle gioca un ruolo importante nella scelta del profumo. Consiglio sempre, prima di acquistare una nuova “fragranza importante” di provarla sulla pelle, aspettare qualche ora per capire come viene assorbita e soprattutto quanto perdura, se persiste. Ci sono profumi che svaniscono, e profumi che restano!

Per capirci qualcosa in più, classifichiamo le macro famiglie olfattive:

1)  Esperidata o agrumata

E’ la famiglia che ha preso vita da Aqua Mirabilis di Giampaolo Feminis per evolversi nelle acque di colonia più tradizionali, come la famosa Acqua di Colonia 4711 o la nazionale Acqua di Parma e tante altre.

Ô di Lancôme,  Eau Sauvage di Dior, Cool Water di Davidoff, Acqua di Gio’ di Armani

2) Aromatica

Sono preponderanti piante aromatiche provenienti principalmente dal bacino del Mediterraneo che trasmettono freschezza e vivacità alle composizioni. La lavanda è l’emblema della famiglia aromatica ed è stata molto utilizzata nelle composizioni all’inizio del 20° secolo.

Dagli intramontabili English Lavender di Atkinsons del 1910 e Pour un Homme di Caron, questa categoria si è evoluta dai profumi monocorde, imperniati sulla lavanda, a composizioni sofisticate che sfruttano la vasta paletta delle essenze che rievocano un ambiente molto gradito: le note di menta piperita, il tè, il basilico, il rosmarino, l’anice, la badiana, il tè rosso e molte altre.

3) Fiorita

Ogni fiore è stato fonte di ispirazione per i creatori e non sarà mai esauriente cercare di citarli tutti: la rosa cara alle creazioni di Parfums de Rosine; la violetta, esaltata da Ludovico Borsari nella Violetta di Parma;  Chloe e Giorgio di Beverly Hills lanciano la moda delle note intense di tuberosa; il gelsomino si delinea come il simbolo di Joy di Patou;  più fresco e primaverile, il mughetto segna la nascita di Diorissimo di Dior, mentre l’esotico ylang accende la seduzione di Fidji di Guy Laroche.

Il connubio tra fiori e aldeidi è, invece, alla base di grandi classici, eleganti e senza tempo: Chanel N. 5, Arpège di Lanvin, Vent Vert di Balmain, Chanel N. 19.

Infine, quando i fiori intensi e opulenti si legano a note speziate, legnose, gourmand, orientali o cipriate nascono fragranze sensuali e avvolgenti, ad alto carico seduttivo: intramontabili L’air du Temps di Nina Ricci, Amarige di Givenchy, L’Heure Bleue di Guerlain, Ombre Rose di Jean-Charles Brosseau.

4) Fougèr

Si tratta di una vera e propria “struttura” caratterizzata da un accordo di base di lavanda, geranio, vetiver, muschio di quercia e cumarina o fava tonka, al quale si aggiungono sfumature più o meno fresche che ne esaltano la personalità.

Il carattere virile e rassicurante delle composizioni ne ha determinato l’ampio successo riscontrato presso il pubblico maschile, soprattutto italiano, creando dei veri e propri cult come Azzaro pour Homme, Drakkar Noir di Guy Laroche e Tsar di Van Cleef & Arpels.

5) Chypre

E’ sempre composto da bergamotto, rosa, gelsomino, muschio di quercia, patchouli e labdano.

Mitsouko di Guerlain a Aromatics Elisir di Clinique. In versione moderna, troviamo molte fragranze tra le quali Narciso Rodriguez for Her rappresenta sicuramente quella di maggiore successo.

6) Legnosa o boisée

Nelle composizioni maschili, i legni sono presenti da molto tempo e spesso costituiscono una specie di “colonna vertebrale” attorno alla quale si sviluppano le fragranze. Possono essere rinfrescate con sfaccettature aromatiche, marine o agrumate, o rese sensuali e avvolgenti con tocchi speziati, cuoio, orientali, fruttati o gourmand e cipriati.

Pino Silvestre di Vidal avvia la stirpe dei legnosi freschi, seguito negli anni da Fahrenheit di Dior e le sue nuance vegetali e fiorite, da Kenzo pour Homme e la sua testa marina e da Déclaration di Cartier, speziato fresco.

7) Orientale o ambrata

Presenza di patchouli, vaniglia e spezie, principalmente cannella. I primi profumi di successo di questa famiglia furono, dall’inizio del ‘900, Habanita di Molinard e Shalimar di Guerlain, seguiti da Opium di YSL e Samsara di Guerlain, fragranze di grande impatto, dalle marcate evocazioni esotiche.

Angel di Thierry Mugler è stata la prima composizione ad affiancare alla nota orientale l’innovativa sfaccettatura gourmand, una tendenza seguita da Lolita Lempicka e molti altri e che trova tuttora grande riscontro.

Profumi e WEB

Se vuoi conoscere nello specifico le note di un profumo e le sue caratteristiche oltre a recarti in una profumeria, sperando di trovare una commessa preparata, puoi anche fare una prima ricerca all’interno di FRAGRANTICA . Prova!

Sei indecisa e non hai tempo di girare? ti consiglio un negozio super carino appena fuori Bologna che ho avuto la fortuna di visitare qualche anno fa dal vivo. Offre anche la possibilità di acquistare online dal suo sito: MAISON DE PARFUM dove potrai scegliere tra le infinite combinazioni di camioncini, in ordine di categorie/famiglie, per poi essere consigliati dalla gentilissima Marta e procedere con l’acquisto decisivo! Pagina Instagram

“La passione per questo mondo profumato cerchiamo di trasmetterla con la descrizione di emozioni e sensazioni. Perché i profumi sono emozioni liquide che indossiamo. Sempre, anche a distanza ci teniamo ad aiutare e consigliare nella scelta del profumo ed è per questo che abbiamo deciso di vendere i campioni che sono tutti preparati ed etichettati a mano da noi in base alle vostre richieste “ Marta Maison De Parfum

Anche all’interno del sito JOLIE PROFUMERIE puoi acquistare kit da 10 camioncini!

I miei profumi preferiti

Per quanto riguarda i miei profumi preferiti, ho iniziato da piccolina, seguendo la passione di mamma, da sempre grande collezionista, e sicuramente come tante di voi (mie coetanee) tra i miei primi profumi vi erano Anais Anais, Eden di Cacharel, un profumo di Naj Oleari del quale ora mi sfugge il nome (boccetta trasparente rotonda, con fiorellini colorati) per poi passare ad Acqua di Giò, il mio primo regalo del mio primo San Valentino ☺️, avevo dieci anni.

Momenti di defaillance con i bon bons di Malizia 🙈 per poi ritrovare la retta via da teenager con Poison Poison e Opium (ereditati da mamma), Hypnotic Poison di Dior, Moschino Cheap and Chic, Chanel n5, Tresor, Dolce Vita di Dior.

Attualmente sono legata a Blanche di Byredo (quello che spruzzavo nella IG story), Yvresse Black Opium di Yves Saint Laurent, English Pear & Fresia di Jo Malone, Chance Chanel (Rosa) Fleur d’Orange di Fragonard, Infusion d’Iris di Prada, Bois Sauvage e Cacao di Blancheide, Rose Elixir di Montale.

Conclusioni

Non esiste il profumo della vita, ma esiste la fragranza perfetta che ti accompagnerà in ogni momento importante, l’esame, la laurea, il colloquio, il primo date, il matrimonio, la gravidanza, l’allattamento, e così via. Ad ogni istante della tua vita corrisponderà una precisa sensazione, un profumo, una canzone. Per me i profumi, come le canzoni sono barche con cui viaggiare nel tempo. Magiche note che mi riportano in un preciso istante e anche se so che è lontano, lo percepisco nitido e d’orato.

 

Grazie per l’attenzione, se hai domande o dubbi non esitare a contattarmi!

info@momacy.com

Instagram

Fonti:

Letture consigliate per approfondire il tema:

  • La scoperta della vanità. Profumi e cosmetici nel mondo antico, di G. Rossi Osmida – Archeo, n. 58
  • Aromatica, profumi tra sacro, profano e magico, a cura di S. Pennestrì – Selcom Editoria, Torino, 1995
  • Il profumo: storia cultura e tecniche, di L. Villoresi – Ponte Alle Grazie, Milano, 1995
  • Les sens du parfum, di R. Guy – Franco Angeli, Milano, 2003
  • I poteri dell’odore, di A. Le Guérer – Bollati Boringhieri, Torino, 2004
  • L’imperatore del profumo, di C. Burr – Rizzoli, Milano, 2006
  • Storia dei profumi. Dagli dèi dell’Olimpo al cyber-profumo, di B. Munier – Dedalo, Bari, 2006
  • La saggezza del creatore di profumo, di M. Maurin – Edizioni della Meridiana, Firenze, 2008
  • Le nature del Profumo, Anna Rosa Ferrari
  • Il segreto di Chanel n°5 , Tilar J. Mazzeo
  • LE PARFUM,  Jean-Claude Ellena
  • PROFUMO, Luigi Capuana
  • L’ARTE DEL PROFUMO, Marika Vecchiattini
  • LA VITA AMOROSA DEI FIORI DA PROFUMO, Jean-Pierre Otte
  • IL SENTIERO DEI PROFUMI, Cristina Caboni
  • All’inizio era il profumo, Aldo Nove
  • A Scented World – The Magic of Fragrances, Claire Bingham
  • La grammatica dei profumi, Giorgia Martone

 

 

 

@momacy on instagram